Chiusura Banca nella frazione di Villastanza di Parabiago, soddisfazione per la cittadinanza e l’Amministrazione: lo sportello bancomat resterà al suo posto.

Chiusura Banca, la protesta dei cittadini

Circa mille firme raccolte dai cittadini parabiaghesi, una lettera scritta dal sindaco di Parabiago, Raffaele Cucchi, e da quello di Cerro Maggiore, Nuccia Berra (anche la filiale di Cantalupo infatti dovrebbe subire la chiusura) e un’assembela pubblica per discutere i passi da compiere. Queste le proteste di cittadini e Amministrazione per la notizia della cessazione dell’attività da parte della filiale di Banca Intesa San Paolo nelle frazioni di Parabiago (Villastanza e Villapia) e Cerro Maggiore (Cantalupo).

La soddisfazione di Cucchi

La notizia è arrivata ne pomeriggio di oggi, venerdì 7 giugno 2019: lo sportello automatico resterà. A comunicarlo è lo stesso primo cittadino di Parabiago Raffaele Cucchi, che scrive con soddisfazione: “Ho appena ricevuto la comunicazione che viene mantenuto lo sportello automatico Bancomat di ultima generazione che consente tutte le operazioni sia di prelievo che di deposito. Un grazie a Banca Intesa per aver compreso l’importanza di mantenere un presidio nella frazione per la valenza sociale de servizio! Un grazie ai cittadini che hanno firmato e a tutti coloro che si sono spesi per ottenere questo risultato!”. Alla fine è proprio vero: l’unione fa la forza.

Leggi anche:  Approvata la variante al Piano Integrato d’Intervento dell’area ‘ex Cemsa’

LEGGI ANCHE: Intesa San Paolo, Cucchi: “Non chiudete la sede a Villastanza”