Messa camerunese ospitata dalla parrocchia di San Vittore Olona.

Messa camerunese: musica, canti e balli in chiesa

Una cerimonia suggestiva, che ha coinvolto tutti e finita tra gli applausi e la gioia di tutti i fedeli. E’ stata la messa camerunese svoltasi domenica 10 febbraio 2019 in chiesa parrocchiale. La funzione delle 11 ha visto infatti ospiti graditissimi oltre 50 esponenti della comunità camerunese (arrivati da Milano, Bologna e altre località) insieme alla console del Camerun a Milano Nkolo Esther. Loro ad aver animato con jambee, xilofono, chitarre e canti, coinvolgendo tutti i presenti.
Tutto nasce dal fatto che don Alain Youssoufa, sacerdote residente in paese per studio, è originario del Camerun e si è così potuto assistere a una cerimonia in pieno stile africano. Evento che sarà replicato e che diventerà un appuntamento spesso proprio a San Vittore Olona.

Le foto:

Don Alain, il console, il parroco e il diacono

“La messa è nata per condividere con la comunità sanvittorese l’esperienza religiosa e culturale di come si vive la cerimonia in Camerun – spiega don Alain -. Schema è stato quello del rito ambrosiano con la particolarità dei gesti liturgici e dei cani. E’ stata l’occasione per pregare per la gioventù del Camerun che l’11 febbraio celebra la sua festa ufficiale”.
“Sono molto contenta di essere qui – ha aggiunto il console Nkolo -, preghiamo per i nostri giovani, per i quali chiediamo ai governati di impegnarsi affinchè ci siano sempre più posti di lavoro. E preghiamo anche per una dignitosa integrazione: tra molti camerunesi ci sono molti dottori, gente laureata, dobbiamo riuscire a vivere tutti insieme fraternamente”.
“Tanti i sacerdoti presenti e anche un seminarista del Camerun – ha commentato il parroco don Davide Bertocchi, che ha omaggiato la console di un libro sulla storia di S.Vittore -, con tutti loro abbiamo vissuto una grande festa: perchè la messa è una festa”. “Oggi – ha aggiunto il diacono Stefano Pozzati – abbiamo visto tanti sorrisi”.