15enne sequestrato e seviziato per ore da un gruppo di coetanei in un box.

15enne sequestrato e seviziato

Un ragazzino di 15 anni è stato sequestrato e torturato per tre ore in un box. Lo hanno legato a una sedia con cavi elettrici, obbligato a spogliarsi e gli hanno lanciato delle secchiate di acqua fredda addosso. Non contenti sembra lo abbiano costretto anche a fumare marijuana. Siamo a Varese e i fatti, da quanto racconta il 15enne, sarebbero avvenuti nel primo pomeriggio del 9 novembre subito dopo l’uscita da scuola.

Il ricovero in neuropsichiatria

La vittima, una volta tornata a casa, racconta tutto ai genitori che lo accompagnano al pronto soccorso dove viene medicato. Dopo qualche giorno torna ancora in ospedale per dei controlli e i medici ritengono opportuno di ricoverarlo nel reparto di neuropsichiatria infantile per le conseguenze del trauma subito.

Identificati i responsabili

La polizia è riuscita ad identificare gli aggressori che sarebbe quattro minori, circa della stessa età della vittima. I quattro sono stati portati in questura dove hanno raccontato la loro versione dei fatti e successivamente rilasciati. La loro posizione è al vaglio degli investigatori come pure il movente, che sembra riconducibile a debiti contratti fra il gruppo degli aggressori e un amico della vittima in merito a un giro di cannabis legale.

Leggi anche:  Automobilista investe capriolo a Cuveglio FOTO

LEGGI ANCHE: Arrestati tre topi d’appartamento

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE