Una coincidenza di fattori in realtà diversi alla base della ferale serie di decessi nel reparto di terapia intensiva neonataleCome racconta BresciaSettegiorni.it, la direzione degli Spedali civili di Brescia insiste su questa tesi. E puntualizza il fatto che l’ultimo – tra l’altro non preso in esame dalla Procura, che ha aperto un’indagine per omicidio colposo – è stato dato da una malformazione congenita (il bimbo non avrebbe potuto sopravvivere in alcuna condizione), mentre gli altri tre bimbi prematuri hanno evidenziato criticità specifiche non correlate.

LEGGI ANCHE: I bimbi morti in ospedale a Brescia sono quattro, si indaga per omicidio colposo

La dettagliata ricostruzione

Dopo l’esplosione della notizia dei bimbi morti e la decisione della Regione Lombardia di convocare una Commissione d’inchiesta per fare luce su quanto sta accadendo, la Direzione ha diramato una dettagliata nota in cui ricostruisce la genesi degli avvenimenti delle ultime settimana, con un punto fisso:  i quattro decessi avvenuti nel  Reparto di Terapia Intensiva Neonatale non sono riconducibili a una medesima causa né sono a conseguenza un focolaio epidemico.

LEGGI ANCHE: Bimbi morti ai Civili, indagine della Regione

La genesi

“Il primo decesso, risalente al 30 dicembre, si è verificato in una condizione di prematurità estrema (nascita alla 27esima settimana di gestazione e peso di 980 grammi), a causa di una enterocolite necrotizzante (complicanza tipica dei prematuri) insorta dopo circa venti giorni dalla nascita e che, nell’arco di meno di 48 ore, ha portato la piccola alla morte.

Il 4 gennaio si è registrato il secondo decesso in neonato grave prematuro (nascita alla 26esima settimana di gestazione e peso di 940 grammi), nato in altro ospedale il 30 novembre e successivamente trasferito presso il reparto TIN per enterocolite necrotizzante con perforazione intestinale. Nonostante gli interventi chirurgici e il trattamento intensivo a cui è stato sottoposto, è subentrata grave insufficienza respiratoria con indici di flogosi in rialzo e riscontro radiologico di addensamenti polmonari bilaterali. Il quadro generale è andato progressivamente peggiorando fino a causare il decesso del piccolo.

Il terzo decesso del 5 gennaio è avvenuto in neonato prematuro(nato alla 30esima settimana di gestazione e piccolo per età gestazionale, peso alla nascita di 1130 grammi, e come i due precedenti nato da taglio cesareo urgente). Dopo le criticità dei primi giorni di vita (pneumotorace iperteso drenato, ventilazione assistita e supporto emodinamico con inotropi), seguiva un transitorio miglioramento delle condizioni generali sino al 29 dicembre, quando si registrava un nuovo peggioramento della dinamica respiratoria, unitamente ad un quadro di shock settico, complicato da disfunzione multiorgano, quadro esitato nel decesso il 5 gennaio”.

Il quarto decesso

La Direzione ha preso posizione anche sull’ultimo decesso avvenuto nei giorni scorsiCONTINUA