E’ stata bloccata in flagranza di reato, ad attenderla in stazione ha trovato i militari dell’Arma di Saronno.

Chiede il pizzo, ma finisce in carcere

E’ stata colta in flagranza di reato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Saronno. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri, lunedì, quando una donna di 44 anni è stata arrestata con l’accusa di estorsione.  Secondo quanto ricostruito la vicenda è iniziata la notte precedente a Milano, dove un giovane, dopo essere stato derubato del proprio portafoglio, ha  sporto denuncia per il furto subito. Mentre si trova ancora negli uffici della Polizia giudiziaria,  ha ricevuto  una telefonata da un numero anonimo, che ha insospettito anche gli agenti della Questura che stavo verbalizzando quanto era accaduto al malcapitato. A quel punto gli agenti hanno deciso di  ascoltare la telefonata in vivavoce.

La telefonata e il tentativo di estorsione

Dall’alta parte del telefono una voce femminile che stava spiegando alla vittima di essere in possesso del portafoglio appena rubato e di essere disposta a restituirlo, completo dei documenti, in cambio di 40 euro. In caso contrario la donna si sarebbe sbarazzata del maltolto. Il giovane ha quindi di incontrare la donna, che gli ha fissato un appuntamento per mezzogiorno alla stazione ferroviaria di Saronno. Ad attenderla però c’erano i carabinieri della locale Compagnia che, appostati in abiti civili, si sono avvicinati alla 44enne dopo lo scambio e l’hanno arrestata.
La donna è stata quindi accompagnata alla caserma di via Manzoni per gli atti di rito, ed è stata successivamente trasferita al carcere di Como in attesa del rito direttissimo, che si è svolto questa mattina a Busto Arsizio.

Leggi anche:  Muore mentre fa la spesa a Rescaldina

 

TORNA ALLA HOME PAGE PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE