Processo Cazzaniga: ieri, lunedì 12 marzo 2019, l’ex vice primario dell’ospedale di Saronno ha risposto alle domande del pubblico ministero.

LEGGI ANCHE: Morti in corsia: Cazzaniga risponde alle domande del pubblico ministero

Processo Cazzaniga

Il dottor Leonardo Cazzaniga ha parlato per oltre sei ore rispondendo alle domande dell’accusa affermando di aver agito per alleviare le sofferenze dei pazienti. L’ex viceprimario del Pronto soccorso di Saronno, accusato del’omicidio di 12 pazienti in corsia e tre nell’ambito famigliare dell’ex amante Laura Taroni, ha difeso in aula il metodo e il suo agire. “Non ho mai desiderato la morte di nessuno. La somministrazione di farmaci come Midazolam Propofol o morfina aveva come solo scopo quello di alleviare la sofferenza dei pazienti che arrivavano in ospedale in fase terminale. Ho traghettato verso la morte persone che sarebbero comunque decedute”. Parlando poi delle cure palliative che a suo dire metteva in atto ha sottolineato come “anche negli hospice c’è un’accelerazione della morte naturale, solo che in un Pronto soccorso il tempo si misura in minuti e ore. I pazienti però meritano lo stesso trattamento umano per alleviare la sofferenza”.

Leggi anche:  Conclusi i lavori d riqualifica di Vicolo del Caldo a Saronno

CLICCA QUI PER RIVIVERE TUTTE LE FASI DEL PROCESSO