“Riportiamo a casa Margherita”. Da quasi tre anni Marcello Ienna non vede sua figlia Margherita, da quando la mamma l’ha portata con sé in Russia per una vacanza, senza però più fare ritorno a casa. Marcello è disperato, vuole rivedere sua figlia, assicurarsi che stia bene. Come è disperata anche la nonna. La comunità si era subito posta al fianco di Ienna, scendendo in strada con una fiaccolata per chiedere che la figlia fosse riportata a casa. I giudici del Tribunale di Como hanno disposto l’affidamento esclusivo al padre, dopo tante battaglie e lunghe attese, combattute insieme all’Associazione Sos Italia Libera.

LEGGI ANCHE: Portata in Russia dalla madre, il tribunale: “Ridate Margherita al papà”

“Riportiamo a casa Margherita”

Sabato 11 maggio 2019  alle 10  si terrà nella sala del Cerimoniale nel Comune di Limido Comasco una conferenza stampa  per sollecitare chi si è impegnato a riportare in Italia la piccola Margherita Ienna. Saranno presenti  il Presidente S.O.S. Italia Libera  Paolo Bocedi, l’On. Stefano Maullu, il Sindaco della città Danilo Caironi, l’On. Stefano Maullu, parlamentare Europeo membro della delegazione UE-RUSSIA  Jenna rapita dalla madre  e portata in Russia  due anni fa. Il tribunale di Como aveva   disposto l’affido al padre Marcello Jenna .