Ripulita zona boschiva nel comune di Castello Cabiaglio utilizzata per lo spaccio di droga.

Ripulita zona boschiva

Questa mattina l’Amministrazione Comunale di Castello Cabiaglio e i carabinieri della Stazione di Cuvio sono scesi in campo in maniera sinergica per ripulire una zona boschiva situata sulla Strada Provinciale 45, in via per Brinzio, nella quale veniva svolta attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

Rimossi tende e rifiuti

Nell’area sono state rimosse alcune tende e rifiuti vari, tra cui bottiglie di plastica e di vetro e resti di generi alimentari, prove tangibili dello stazionamento in loco degli spacciatori.
I dipendenti del Comune hanno raccolto tutto il materiale, che è stato differenziato e conferito presso la competente piattaforma ecologica.

Zona attenzionata: un arresto e una denuncia

La località è stata più volte attenzionata nel recente passato dai carabinieri di Cuvio, che, nel corso di ripetuti controlli, il 12 luglio scorso avevano arrestato un 35enne di Casale Litta, sorpreso in possesso di 95 grammi di cocaina, nonché segnalato alla Prefettura di Varese tre persone, residenti a Gemonio e Cocquio Trevisago.

Leggi anche:  Ragazzo travolto e ucciso da un treno a Parabiago

Il mese scorso, invece, era stato denunciato in stato di libertà un 38enne italiano residente nel luinese, responsabile di porto abusivo di coltello. Nel corso di un servizio di perlustrazione e di controllo alla circolazione stradale, i militari avevano fermato l’autovettura condotta dal 38enne, sempre sulla Strada Provinciale 45, in via per Brinzio di Castello Cabiaglio. I carabinieri, considerate le circostanze di tempo e luogo, e ritenendo sospetta la sua presenza, avevano effettuato un capillare controllo, perquisendo l’uomo e il veicolo. I sospetti dei militari si erano subito rivelati fondati. L’uomo era stato infatti trovato in possesso di un coltello di genere proibito dotato di lama lunga 7 cm., nonché di un grammo di sostanza stupefacente tipo cocaina.

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE