Spacciavano cocaina a Legnano, sono finiti in manette.

Spacciavano cocaina, fermati grazie alle segnalazioni dei cittadini

La Polizia locale di Legnano ha portato a termine l’operazione denominata “Oltrestazione” con l’importante contributo di residenti e commercianti. Le indagini del nucleo Falchi, coordinate dal sostituto procuratore Nadia Calcaterra, hanno avuto inizio a seguito di segnalazioni di cittadini, soprattutto provenienti dal Controllo del vicinato, sul presunto commercio di sostanze stupefacenti nelle zone dell’Oltrestazione, a Mazzafame, in via Giussano e nei giardini pubblici di via Venezia e corso Italia.

Due le persone catturate dalla Polizia locale di Legnano

Otto i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Busto Arsizio. Due sono stati catturati e condotti in carcere dalla Polizia locale di Legnano, lunedì 3 e martedì 4 giugno, con il supporto del nucleo pronto impiego della Guardia di finanza di Milano, di unità cinofile e personale della Polizia locale di Castellanza (due persone erano già detenute mentre quattro risultano espulse dal territorio nazionale).

Leggi anche:  Vandalizzata la targa dedicata a Peppino Impastato

Il gruppo faceva oltre 50 cessioni di droga al giorno

Gli agenti quantificano in oltre 50 le cessioni giornaliere di cocaina effettuate dal gruppo. L’importante risultato è stato ottenuto con un’attività integrata di controllo del territorio (collaborazione tra forze dell’ordine, attenzione da parte della Procura di Busto Arsizio, efficace sistema di videosorveglianza, attività investigativa del nucleo Falchi e, appunto, contributo dei cittadini, secondo il principio della sicurezza partecipata).

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE