Regione Lombardia ha istituito il premio “Lombardia è ricerca” con l’obiettivo di dare un forte impulso al potenziamento della ricerca e dell’innovazione. Oggi al Teatro della Scala di Milano sono andate in scena le premiazioni.

Assegnato il premio “Lombardia è ricerca”

“Siamo partiti dall’assunto che nella società sia importante trovare un punto di incontro tra impresa, università, istituti scolastici e ricerca per una nuova stagione di sviluppo. E’ quindi con grande soddisfazione che registriamo anche l’adesione convinta e partecipe a questo premio da parte di molte scuole e studenti lombardi, che hanno saputo proporre progetti di grande interesse, utilità e qualità, nel segno di una innovazione autentica e proiettata nel futuro. A tutti loro va il grande grazie mio personale e dell’istituzione regionale per l’impegno e il contributo che hanno saputo dare, e mi auguro continueranno a dare nel prosieguo dei loro studi e della loro vita umana e professionale”. A dirlo il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, intervenendo questa mattina per il Premio Internazionale ‘Lombardia è Ricerca’ che ha assegnato un milione di euro alla migliore scoperta scientifica nell’ambito delle Scienze della Vita.

Leggi anche:  CariploCREW Call: 1 luglio nuova scadenza per la presentazione delle domande

All’evento hanno partecipato anche il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il Vice Presidente Fabrizio Sala, l’Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli, Paolo Veronesi presidente della Fondazione Veronesi e l’astronauta Paolo Nespoli.

I premiti

Lo speciale riconoscimento è pari a 64 mila euro complessivi. I progetti e prototipi di quattro team di altrettanti istituti superiori – l’ISIS Bernocchi di Legnano, l’ITI Hensemberger di Monza,  liceo scientifico Galilei di Erba (Co) e il CFP Canossa di Magenta – sono stati selezionati da una giuria indipendente, presieduta da Eugenio Gatti, direttore della Fondazione del Politecnico di Milano, e composta da insegnanti, docenti universitari, liberi professionisti, ricercatori, che si sono candidati a ricoprire questo ruolo.

LEGGI ANCHE: 

“Lombardia è ricerca”, appuntamento alla Scala