Regione Lombardia ha istituito il premio “Lombardia è ricerca” con l’obiettivo di dare un forte impulso al potenziamento della ricerca e dell’innovazione. Oggi al Teatro della Scala di Milano sono andate in scena le premiazioni.

Assegnato il premio “Lombardia è ricerca”

“Siamo partiti dall’assunto che nella società sia importante trovare un punto di incontro tra impresa, università, istituti scolastici e ricerca per una nuova stagione di sviluppo. E’ quindi con grande soddisfazione che registriamo anche l’adesione convinta e partecipe a questo premio da parte di molte scuole e studenti lombardi, che hanno saputo proporre progetti di grande interesse, utilità e qualità, nel segno di una innovazione autentica e proiettata nel futuro. A tutti loro va il grande grazie mio personale e dell’istituzione regionale per l’impegno e il contributo che hanno saputo dare, e mi auguro continueranno a dare nel prosieguo dei loro studi e della loro vita umana e professionale”. A dirlo il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, intervenendo questa mattina per il Premio Internazionale ‘Lombardia è Ricerca’ che ha assegnato un milione di euro alla migliore scoperta scientifica nell’ambito delle Scienze della Vita.

All’evento hanno partecipato anche il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il Vice Presidente Fabrizio Sala, l’Assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Melania Rizzoli, Paolo Veronesi presidente della Fondazione Veronesi e l’astronauta Paolo Nespoli.

Leggi anche:  Giornata dello studente, ecco i nomi di tutti i premiati FOTO

I premiti

Lo speciale riconoscimento è pari a 64 mila euro complessivi. I progetti e prototipi di quattro team di altrettanti istituti superiori – l’ISIS Bernocchi di Legnano, l’ITI Hensemberger di Monza,  liceo scientifico Galilei di Erba (Co) e il CFP Canossa di Magenta – sono stati selezionati da una giuria indipendente, presieduta da Eugenio Gatti, direttore della Fondazione del Politecnico di Milano, e composta da insegnanti, docenti universitari, liberi professionisti, ricercatori, che si sono candidati a ricoprire questo ruolo.

LEGGI ANCHE: 

“Lombardia è ricerca”, appuntamento alla Scala