Inveruno, si è svolta ieri – giovedì 18 luglio 2019 – l’audizione in Regione per la crisi di liquidità della Tor (Total Organic Refining)

Inveruno, la crisi e il rischio per 40 lavoratori

Certificato lo stato di crisi della ditta Tor nella Commissione Attività Produttive di Regione Lombardia. L’azienda, che é subentrata a Carapelli nel sito di corso Europa, é in crisi di liquidità e i macchinari sono fermi dopo la sospensione della corrente elettrica a causa di bollette non pagate. A rischio i 40 posti di lavoro dei dipendenti cui manca il saldo di una mensilità e della quattordicesima.

L’audizione in Regione

Regione Lombardia ha preso l’impegno di tutelare i lavoratori. In audizione, giovedì 18 luglio 2019, erano presenti i rappresentanti sindacali, Tor, il sindaco di Inveruno Sara Bettinelli.

Le parole di Bettinelli

“La priorità sono i lavoratori – dice il primo cittadino di Inveruno, Bettinelli – e già lunedì prossimo ci sarà un tavolo tecnico per valutare l’avvio di ammortizzatori sociali, con lo scopo di traghettare questo momento difficile. Intanto un potenziale finanziatore ha visitato il sito industriale di Inveruno. Ringrazio i consiglieri regionali Carlo Borghetti, Samuele Astuti, Paola Bocci e Silvia Scurati per l’attenzione che stanno dando alla situazione”.

Leggi anche:  Studenti delle scuole superiori legnanesi in pellegrinaggio ad Auschwitz

LEGGI ANCHE: Crisi Tor di Inveruno: le parole di Silvia Scurati

E ANCHE: Crisi Tor, i politici chiedono garanzie per i lavoratori