Le imprese a valore artigiano produttrici di calzature lombarde riscuotono successo al MICAM e anche all’estero

I dati raccolti al MICAM sono sorprendenti

Durante lo svolgimento del MICAM, uno dei più importanti eventi espositivi internazionali dedicati al mondo della calzatura, proponiamo i dati che interessano le imprese a valore artigiano protagoniste del settore nella regione lombarda. In Lombardia, infatti, nel 2018 sono 942 le imprese produttrici di calzature, di cui 379 artigiane, e 745 imprese che riparano calzature, di cui 705 artigiane.

Milano e Pavia importanti risorse per le imprese produttrici di calzature

Sono 2 su 5 le imprese a valore artigiano a produrre scarpe in Lombardia, in particolare rappresentano più della metà delle imprese impegnate nel settore a Lodi, Cremona, Mantova, Bergamo e Pavia.
Milano e Pavia si trovano nella classifica delle prime 20 province italiane per numero di Imprese totali e artigiane produttrici di calzature: Milano alla decima posizione con 365 imprese totali e Pavia alla quattordicesima con 305 imprese; per quanto riguarda l’artigianato Pavia si posiziona all’undicesima posizione con 159 imprese artigiane, Milano sedicesima con 97. In provincia di Milano nei comuni di Milano, Parabiago e Legnano e in quella di Pavia nei comuni di Vigevano, Gambolò e Garlasco si riscontra una maggiore specializzazione produttiva nella creazione e realizzazione di calzature.

La micro-piccola impresa è molto gettonata

Tutte queste imprese situate in Lombardia impiegano 6.864 addetti dei quali 1 su 5 (1.570 addetti) lavora in un’impresa artigiana.
Mantenendo lo guardo sul tessuto imprenditoriale lombardo specializzato nella produzione di calzature emerge una consistente preferenza per la micro-piccola impresa: infatti il 97,3% delle imprese hanno meno di 50 addetti e danno occupazione al 67,7% degli addetti stessi.

Leggi anche:  "Giornata della legalità: impegno contro le mafie"

L’esportazione come punto di forza

Negli ultimi 12 mesi, dalle vendite all’estero delle calzature prodotte in Lombardia si sono ricavati 1,5 miliardi di euro. Nei primi 9 mesi del 2018 le statistiche dell’esportazione di scarpe sono positive, molto più promettenti di quelle registrate a livello nazionale. L’incredibile successo è dovuto principalmente all’aumento delle vendite sui mercati di Stati Uniti, Cina e Regno Unito che compaiono nella top 10 dei paesi.

Le province che maggiormente esportano calzature nel mondo sono Milano, Brescia e Pavia. Quasi il 70% dell’export lombardo di calzature viene realizzato da imprese stabilite in provincia di Milano, che negli ultimi 12 mesi hanno esportato scarpe all’estero per un valore di 1.089 milioni di euro. Sempre con riferimento alle performance dell’export di calzature prodotte nell’area milanese si nota come la crescita intercettata tra gennaio-settembre 2018 rispetto a gennaio-settembre 2017 sia superiore a quella regionale e a quella nazionale.