Guida automatizzata, Toyota la sperimenta nelle strada pubbliche urbane. La divisione europea della casa giapponese annuncia l’avvio della guida automatizzata in Europa. Dopo i successi delle simulazioni e delle prove in circuiti chiusi, TME sta portando ora i sistemi di guida automatizzata, sviluppati internamente, nel reale ambiente urbano. Il vivace centro cittadino di Bruxelles, in Belgio. Nel cuore della città, una Lexus LS percorrerà un tragitto prestabilito per i prossimi 13 mesi.

Guida automatizzata, la sicurezza al primo posto

La Lexus LS è un normale veicolo prodotto in serie che circolerà per le strade aperte al pubblico. La sola differenza è il pacchetto di sensori montati sul tettuccio, inclusi il LIDAR, radar, telecamere e un sistema di posizionamento ad alta precisione. Nella vettura, un ‘pilota di sicurezza’, che può intervenire e sostituirsi al sistema di controllo del veicolo a guida automatizzata in ogni momento, sarà accompagnato da un ‘operatore’ che supervisionerà l’intero sistema. Toyota sta portando questa vettura su strade aperte al pubblico, dopo mesi di preparazione approfondita del veicolo: la convalida del sistema di guida automatizzata, la formazione dei piloti, l’analisi del percorso e il coinvolgimento delle autorità per l’ottenimento delle necessarie approvazioni.

Mobility Teammate Concept

Questa ricerca si lega alla vision globale di Toyota di creare una mobilità per tutti sempre migliore e più sicura. Toyota vede la relazione tra il pilota e la vettura come quella tra due compagni di squadra che lavorano insieme. Un approccio alla mobilità che ha definito ‘Mobility Teammate Concept’. Con l’obiettivo di realizzare una mobilità più sicura e accessibile, Toyota sta lavorando in parallelo su due diversi modelli di guida automatizzata: ‘Guardian’ e ‘Chauffeur’. Contemporaneamente allo sviluppo di queste tecnologie all’avanguardia, Toyota sta anche diffondendo i dispositivi di sicurezza su tutta la gamma rendendoli più accessibili. Toyota equipaggia tutte le nuove vetture in vendita con avanzati sistemi di guida assistita (ADAS), chiamati Toyota Safety Sense e Lexus Safety System+2.

Leggi anche:  Domotica e sicurezza, ecco i serramenti 2.0

L’Europeo L3Pilot

Il veicolo automatizzato sarà anche utilizzato per raccogliere dati in quanto parte dell’impegno Toyota nel progetto europeo “L3Pilot”, insieme a 34 altri partner, inclusi importanti case automobilistiche, fornitori del settore automobilistico, istituti di ricerca e autorità. L’L3Pilot è un progetto europeo della durata di 4 anni lanciato nel 2017 e finanziato parzialmente dalla Commissione Europea3. Il progetto apre la strada per test su più larga scala nel campo della guida automatizzata. Con circa 1000 piloti in 100 vetture in 10 Paesi in Europa. All’interno di questo scenario, TME si concentrerà sullo studio dei comportamenti dei clienti e sulla operatività in sicurezza dei sistemi, in ambienti urbani complessi ed eterogenei.