Il consigliere comunale di Saronno Alfonso Indelicato interviene sul tema dei parcheggi a pagamento in piazza del Mercato.

“Saronnesi, il nemico è alle porte”

“Quando, pochi mesi fa – scrive Indelicato nel suo intervento -, cominciarono i lavori di sistemazione della piazza del mercato, i più smagati ebbero subito il sentore di ciò che si profilava, laddove gli ingenui proseguivano la loro vita serena e inconscia. “Vuoi vedere che …” azzardavano i brontolatori di professione, riuniti in crocchi sotto i portici del Corso. “Ma va’, Siete i soliti disfattisti” rispondevano i filogovernativi assiepati sulle panchine dall’altro lato. Alla fine avevano ragione i primi: gli stalli per le auto sono a pagamento, anzi lo sono stati in pectore fin da subito, da quando tutta l’operazione è stata marchingegnata dalle menti degli Amministratori. A quel punto, il problema era come indorare la pillola. Ma c’era poco da indorare, perché i fatti erano semplici e chiari: prima non si pagava, dopo sì. Non sappiamo a chi sia venuto in mente il vecchio trucco: quello di inventare il nemico per giustificare lo stato di forza maggiore. Durante la Rivoluzione Francese il nemico erano gli aristocratici (e infatti Marat nella vasca da bagno dove leniva la scabbia che lo affliggeva stilava le liste di proscrizione e i sanculotti ghigliottinavano); sotto lo Zar erano gli ebrei; sotto Stalin i kulaki … Fatto sta che a qualcuno l’dea sfolgorante è infine venuta. Il nemico di Saronno, veri sabotatori in agguato sono … i pendolari! Codesti screanzati provenienti dal contado i quali, non paghi di respirare l’aria profumata di amaretto, pretendono di parcheggiare i loro catorci sul nostro sacro suolo, per giunta gratis! Si doveva intervenire. Bisognava fare qualcosa. Non potendo alzare il ponte levatoio, ecco l’idea del balzello. Vuoi parcheggiare vicino a Piazza Cadorna? Paghi. Oppure vai a Saronno sud, dove il balzello è costituito alla cifra che dovrai versare al carrozziere per i danni inferti alla tua auto dai ladri di passaggio. È vero, anche i saronnesi della Cassina o del Mattotti che parcheggiano nella piazza del mercato dovranno versare l’obolo. Ma questo non sarà un problema: i saronnesi sanno già che tutto si paga”.